Privacy Policy

Flavio Emer – l’autore

Flavio Emer (22 giugno 1969 – 13 agosto 2015) è stato uno scrittore italiano che, pur affetto da SMA (atrofia muscolare spinale), è riuscito a superare continuamente il limite della sua disabilità guardando il quotidiano con occhi diversi e divenendo via via sempre più capace di comunicare idee ed emozioni in modo straordinario e coinvolgente. A quattordici anni un aggravamento della malattia lo ha privato dell’uso delle mani. Nonostante ciò, la sua forte e coraggiosa volontà di raccontare l’esistenza da protagonista lo ha spinto a cercare ogni mezzo per realizzare il suo desiderio. Nei primi anni Novanta, grazie ad un amico appassionato, Flavio ha reperito un software che ha trasformato le sue parole in videoscrittura. Il computer, che lui chiamava “Oby-Wan Kenoby” (come uno dei personaggi principali della saga di “Guerre stellari”), è diventato così il sostituto delle sue mani. Attraverso i suoi testi, Flavio ha mostrato di saper leggere e indagare con ironia e saggezza argomenti leggeri così come tematiche complesse che incontrano nel profondo i sogni e le vicende di ogni uomo. Flavio ha viaggiato per il mondo e scritto tre libri, il cui ricavato è stato devoluto ad associazioni benefiche; ha collaborato con riviste e quotidiani tra i quali il “Corriere della Sera” sulle cui pagine, nei suoi due ultimi anni di vita, ha tenuto una rubrica particolarmente seguita dal titolo Cronache dalla carrozzina.

Tra le sue pubblicazioni: Il mio cielo è diverso. Acrobazie mentali di un giovane disabile, Mondadori, Milano 1993; Il corponauta. Appunti di viaggio di uno spirito libero, Interlinea, Novara 1996 (Arti Edizioni, Brescia 2011²); Sensi in-continenti, Brescia 2009. Edizioni postume: Io e lo sport: credente, ma non praticante Edizioni Arti, Brescia 2016.